58

Ho compiuto  58 anni e ringrazio chi si è ricordato di me. Maggio non è stato un bel mese : paura, ansia, dolore per tutti. Fortunatamente ora le cose stanno rimettendosi ed è per questo che ricomincio a farmi vedere sui social,Nel giorno del compleanno , un caro amico, forse senza neppure sapere che compivo gli anni, mi ha mandato un messaggio con le parole di Mario Andrade. Ve lo faccio sentire perché  aiuta a riflettere. Continua a leggere 58

2018

Un altro anno è arrivato e, allo scoccare della mezzanotte, la frase ricorrente è sempre la stessa: Meno male che l’anno vecchio se n’è andato. Il nuovo anno non potrà essere peggiore! – Parole senza tempo, che vanno bene per ogni data come la canzone di Lucio Dalla. Promesse, speranze, utopie e sogni che, ostinatamente ci traportiamo di anno in anno sperando che qualcosa si realizzi. L’anno vecchio se ne va portandosi dietro le sue colpe: malattie, dolori, guerre, fame, carestie, tradimenti, morti, terremoti e disgrazie. Ma siamo certi che il prossimo anno potrà essere migliore? Chi ha qualche anno … Continua a leggere 2018

Barbari?

“Un mondo che si considera prospero e civile, segnato da disuguaglianze e squilibri al suo interno, ma forte di un’amministrazione stabile e di un’economia integrata; all’esterno, popoli costretti a sopravvivere con risorse insufficienti, minacciati dalla fame e dalla guerra, e che sempre più spesso chiedono di entrare; una frontiera militarizzata per filtrare profughi e immigrati; e autorità di governo che debbono decidere volta per volta il comportamento da tenere verso queste emergenze, con una gamma di opzioni che va dall’allontanamento forzato all’accoglienza in massa, dalla fissazione di quote d’ingresso all’offerta di aiuti umanitari e posti di lavoro.” Questo è l’incipit … Continua a leggere Barbari?

La convalescenza

La convalescenza   La convalescenza , non so se ve ne siete accorti, è scomparsa dal vocabolario e dalle nostre abitudini. Per convalescenza  s’intende quei periodo più o meno lungo, a seconda della malattia, che cominciava appena la malattia era debellata ma il corpo non aveva ancora riacquistate le forze. La durata di quel periodo dipendeva dalla gravità della malattia e dalla condizione generale del paziente. Per una buona convalescenza si consigliavano cibi leggeri, aria buona, buone letture e attività fisica moderata. Così il corpo e la mente riprendevano  vigore e ritrovavano l’equilibrio. C’era persino il tempo di pensare ! … Continua a leggere La convalescenza

L’essenziale

La vita di oggi, frenetica e vogliosa, non ci lascia tempo per pensare. Troppi sono i bisogni “indispensabili” da soddisfare e il tempo a nostra disposizione sembra ridursi sempre di più. Il telefonino di ultima generazione, la tv 50 pollici, l’auto superconnessa, la casa nuova, le vacanze esotiche, le cene al ristorante, il cane di razza, il condizionatore, il tappetino rinfrescante per il micio e …. chi ne ha più ne metta. Questi i bisogni del terzo millennio! Per i più giovani, i nativi digitali e per quelli allevati a omogeneizzati e pubblicità, sembra incredibile pensare alle generazioni precedenti al … Continua a leggere L’essenziale

Omaggio filosofico

Ultimamente, grazie allo stimolo di alcuni blogger, non ultimo Diego56, ho ricominciato a interessarmi alla filosofia, già molto amata fin dai tempi remoti del liceo. Allora meditavo di iscrivermi alla facoltà di filosofia, pensando di potermi dedicare allo studio e, indi, all’insegnamento di questa affascinante disciplina. Poi, come spesso accade, la vita non si accorda coi sogni e, quasi senza accorgersene ci troviamo su altre strade, in altri mondi. La vita attiva, oggi forse troppo frenetica, non ci dà il tempo di riflettere e di meditare su quelle domande universali che stanno in letargo dentro di noi. Chi siamo? Perché … Continua a leggere Omaggio filosofico

Destra sinistra

Ieri sera, durante un dibattito che celebrava la vittoria di Renzi, alle primarie del Partito Democratico, ho sentito una frase che mi ha colpito. “Ormai non si tratta più di destra e sinistra, ma di europeisti contro antieuropeisti” Credo sia vero e, anche i nostalgici delle vecchie categorie devono prenderne atto. Non mi piace ma mi adeguo. Continua a leggere Destra sinistra

Preghiera a Dio

Oggi, per una coincidenza nei calendari, è una triplice Pasqua. Cattolici e Ortodossi rievocano la Resurrezione di Cristo, gli ebrei la fuga dall’Egitto. Per riflettere sulla intolleranza religiosa ecco un testo di Voltare, tratto dal Trattato sulla tolleranza. PREGHIERA A DIO Non è più dunque agli uomini che mi rivolgo; ma a te, Dio di tutti gli esseri, di tutti i mondi, di tutti i tempi: se è lecito che delle deboli creature, perse nell’immensità e impercettibili al resto dell’universo, osino domandare qualche cosa a te, che tutto hai donato, a te, i cui decreti sono e immutabili e eterni, … Continua a leggere Preghiera a Dio

Ottavio Garaventa, Ugo Foscolo e la Milano-Sanremo

Il 18 marzo di 3 anni fa moriva il mio papà Oggi si corre una delle gare ciclistiche più importanti del mondo: la Milano-Sanremo.   A più d’uno, l’accostamento potrà sembrare blasfemo, irriverente, ma permettetemi una breve riflessione. Ognuno di noi ha i suoi morti e ognuno li ricorda a modo suo: le preghiere, i fiori sulla tomba, l’intimo colloquio. C’è anche chi non li ricorda affatto ed è come se li facesse morire 2 volte. Mai come adesso mi sono sembrati veri i versi di Ugo Foscolo:   Sol chi non lascia eredità d’affetti poca gioia ha dell’urna; e … Continua a leggere Ottavio Garaventa, Ugo Foscolo e la Milano-Sanremo