Tutti pazzi … per la lirica!

Non sono sparita, ma sono solo molto occupata per portare a termine una serie di attività dedicate a mio padre. Per farmi perdonare vi prpongo un pezzo, scritto qualche anno fa per il mio primo blog su Splinder. Spero vi piaccia! Tutti pazzi … per la lirica! Titolo sibillino che non si riferisce ai melomani, già realmente affetti dalla gravissima e inguaribile “sindrome del melodramma”, ma fa riferimento ai personaggi delle opere: costoro, infatti, già afflitti da una sfiga incommensurabile, sono spesso affetti dalle più strane patologie psichiatriche che, nella maggior parte dei casi, li conducono alla morte. Ecco un … Continua a leggere Tutti pazzi … per la lirica!

Festa delle rose in Vallescrivia

  Sabato 7 e Domenica 8 giugno Tradizionale appuntamento con la “Festa delle Rose”   la kermesse giunta alla dodicesima edizione dedicata  prodotti derivati dalle rose da sciroppo della Valle Scrivia. Lo sciroppo di rose è un prodotto tipico Genova,e delle valli Scrivia e Sturla: viene confezionato con una varietà di rose, dette “da sciroppo”, che sono state sempre presenti negli orti, nei giardini dei genovesi e dei conventi locali, questi ultimi i maggiori fornitori dei confettieri locali. Per la produzione dello sciroppo si usano solo i petali delle rose, adatti anche alla preparazione di delicate confetture e alla loro canditura. … Continua a leggere Festa delle rose in Vallescrivia

Peppino e Giovannino ovvero Verdi e Guareschi

Spulciando nei miei veccchi scritti, ho ritrovato questo breve racconto che ha come protagonisti due grandi personaggi: Giuseppe Verdi e Giovannino Guareschi. Figli della stessa terra, in epoche diverse, soggiornarono entrambi a Busseto. Nell’anno verdiano ve lo ripropongo, sperando vi piaccia. Peppino chiuse la porta della piccola casa e si fermò in mezzo alla piazza. La nebbia: ammantava da sempre la pianura emiliana, la solita nebbia che, sola, era rimasta uguale nel trascorrere degli anni. La bianca barba ben curata di Peppino sembrava brillare di goccioline d’umidità, mentre gli occhi acuti lanciavano sguardi severi sulle poche macchine posteggiate, intorno ai … Continua a leggere Peppino e Giovannino ovvero Verdi e Guareschi

Calendario verdiano: 14 Marzo 1847

Questo post, come si evince dalla data, era destinato alla giornata di ieri, ma, il post su  di Papa Francesco ha determinato questo lieve sfasamento. Per “Macbeth” vi propongo una mia esperienza personale, datata 1976. Macbeth, su libretto di Francesco Maria Piave con interventi di Andrea Maffei (1798-1885), tratto dalla tragedia Macbeth (1605-06) di William Shakespeare (Firenze, Teatro della Pergola, domenica 14 marzo 1847).  La prima volta che lo incontrai fu nel 1976, a Washington durante la tournè del Teatro La Scala per i festeggiamenti del Bicentenario degli USA. La Scala portava negli Stati Uniti, per 40 giorni, circa 400 … Continua a leggere Calendario verdiano: 14 Marzo 1847

Calendario verdiano: 5 febbraio 1887

sabato 5 febbraio 1887 – Milano, Teatro alla Scala, , Otello, su libretto di Arrigo Boito, tratto dalla tragedia Othello (1604-1605) di William Shakespeare. Con “Otello, Verdi riporta il dramma al livello dell’individuo -: con il protagonista – che si dibatte e soccombe tra l’astrazione assoluta del bene, Desdemona, e quella del male, Jago. In orchestra, Arturo Toscanini suonava il violoncello. “Otello” suscita in me ammirazione e stupore, ma, mi riporta, in maniera inconsueta, a pensare al grande amore che Giuseppe Verdi provò sempre per e mia città natale, Genova. Questa non è una favola popolare ma la storia di … Continua a leggere Calendario verdiano: 5 febbraio 1887

FBI (Family Investigation Bureau)

VILLA ARZILLA Nella mia vita precedente, c’è stato un tempo, in cui non ho abitato a Villa Arzilla: dopo il divorzio, infatti, decisi, per sottrarmi alle affettuose/ansiose/oppressive cure parentali, di abbandonare l’appartamento coniugale, situato al 3° piano della casa avita, per trasferirmi in un piccolo appartamento, in un condominio non troppo lontano ma neppure pericolosamente vicino. La mia nuova casetta era perfetta per una vita da single e io, con somma meraviglia di tutti e con soddisfazione mia, riuscii ad organizzarmi al meglio: lavoro nel campo musicale, impegni politici in Comune, vita sociale rutilante! Libera, per la prima volta, da … Continua a leggere FBI (Family Investigation Bureau)

Un anno con Giuseppe Verdi

Credo non ci sia bisogno di ripeterlo ma, per i più distratti, ribadisco che, allo scoccare del 2013, è iniziato l’anno che commemora i 200 anni dalla nascita del nostro grande Giuseppe Verdi. Anch’io, nel mio piccolo, ho deciso di “festeggiare” il bussetano, offrendovi un “calendario verdiano”: spulciano tra la sua vita e le sue opere, ho individuato una serie di giorni dell’anno che, in epoche diverse, segnarono la vita del Maestro. In quelle stesse date, vi offrirò notizie, curiosità, aneddoti e riflessioni sul nostro “Peppino” nazionale. Chi mi legge da tempo, sa che, tra tutti i compositori che hanno … Continua a leggere Un anno con Giuseppe Verdi

Amarcord 2

Settebre 1976 Washington USA La Principessa con la Regina Madre, davanti al Kennedy Center Theatre, in occasione della tournèè del Teatro alla Scala per il bicentenario dell’indipendenza Americana. La prima volta che lo incontrai fu nel 1976, a Washington durante la tournè del Teatro La Scala per i festeggiamenti del Bicentenario degli USA. La Scala portava negli Stati Uniti, per 40 giorni, circa 400 persone per allestire 4 opere da rappresentare nelle 3 città simbolo dell’indipendenza americana: Washington, New York e Filadelfia. L’occasione era ghiotta e anch’io m’imbarcai sull’aereo che portava i miei in quella prestigiosa tournè durante la quale … Continua a leggere Amarcord 2

Ti bastan poche briciole…

Bruxellex, 31 Dicembre 1967- Piove. Piove sempre qui e c’è anche la nebbia. Io me ne sto alla finestra, papà è a letto e fa le parole crociate, mamma si sta vestendo. Papà è qui da un mese per le prove di “La traviata” di Verdi e noi lo abbiamo raggiunto, con il mio primo viaggio in vagone letto, per le feste di Natale. Improvvisamente, qualcuno bussa alla porta della camera e io mi precipito ad aprire: con il suo cappottone grigio, i capelli raccolti e il viso sorridente, Margherita entra e con voce flautata mi chiede se siamo pronte. … Continua a leggere Ti bastan poche briciole…

Autobus n. 15

Ieri, a Genova, è stato “gambizzato” Roberto Adinolfi, ad di Ansaldo nucleare: i fantasmi delle BR e dei loro “metodi”, riaffiorano in chi ha vissuto quei giorni di terrore. “Autobus n.15” l’ho scrissi quando, qualche anno fa, vennero arrestati e condannati i componenti delle nuove BR Autobus n. 15 L’autobus numero 15 correva verso Nervi e, tutte le mattine, portava al lavoro il Commissario di Polizia Antonio Esposito ucciso, il 21 giugno 1978 dalle Brigate Rosse, mentre scendeva dal bus. L’autobus numero 15 correva verso Nervi e finita la scuola, quasi tutte le mattine, io lo prendevo per andare al … Continua a leggere Autobus n. 15