I Cognomi della Valle Scrivia: Caprile

Continua, sulla rivista “Qui e non solo” il mio viaggio nei cognomi della Valle Scrivia . CAPRILE. Questo cognome potrebbe derivare dal nome di uno dei molti paesi chiamati Caprile, come ne esistono nel genovese, nel napoletano, nel lucchese, nel fiorentino e nel pesarese. Il cognome Caprile ha un grosso ceppo a Genova, nel genovese, savonese, imperiese ed alessandrino, con un ceppo anche nel napoletano e nel salernitano. Il derivato Caprili ha un ceppo toscano, in particolare nel lucchese e pisano ed uno nel forlivese, e Caprilli ha un piccolo ceppo a Genova, uno in Toscana, in particolare sull’isola d’Elba ed a Roma. Nel … Continua a leggere I Cognomi della Valle Scrivia: Caprile

I consigli della principessa

Forse è arrivato! Mi riferisco al freddo e, possibilmente, all’inverno. La mia estate non è stata un granchè. E, per finire in bellezza, a settembre, complice un movimento sbagliato, ho iniziato ad avere forti dolori alle gambe. Il dolore, per le persone allettate come me, sono di prassi ma, per mia fortuna, il 17 anni, sono ne avevo mai sofferto. Affrontare questo nuovo problema non è stato facile ed è per questo motivo che, ultimamente, sono stata poco presente sui social. Come sempre, i libri sono stati di sostegno e aiuto. Vi segnalo alcuni volumi degni d’attenzione. Di Federico Rampini, … Continua a leggere I consigli della principessa

Petali di memoria

Allo sbocciare del mistico fiore, i petali sono turgidi di sfavillanti colori saldamente avvinti alla corolla vitale. Con passare del tempo, mentre il fiore si apre, impallidiscono alla luce cocente del sole, Soggiunge l’autunno e il fiore resiste ma i petali cadono e, sospinti dal vento, lasciano il calice. A sera, nel crepuscolo lento della lotta incessante, come petali, i ricordi giacciono stanchi ai piedi della pianta spogliata. Immemore dei giorni felici, la vita li vede sparire lontano, trascinati dal vento, arruffati e confusi. Invano raccoglierli, la rosa avvizzisce e i ricordi non possono più ritrovare la loro sequenza. Continua a leggere Petali di memoria

Lo specialista. Chi l’ha visto?

Qualcuno penserà che io abbia la mania di raccontare i fatti miei e, francamente non posso dargli torto. È che, per un gran numero di fattori, i fatti miei son talmente paradossali che non divulgarli sarebbe un ver peccato. Eccovi l’ultima “avventura “nella quale cui sono incappata. Come molti dei miei lettori sanno, io sono nata con la rarissima Sindrome di Elher-Danlos (EDS) alla quale, a 40 anni, si è aggiunta la dolorosa Sindrome di Guillan Barrè. Se è vero che l’unione fa la forza, le due sindromi unite mi hanno ridotta a una “schifezza”, paralizzata dalla vita in giù … Continua a leggere Lo specialista. Chi l’ha visto?

Si può assumere il coniuge o un parente come assistente alla persona disabile?

Originally posted on MetropoliZ blog:
Articolo di Chiara Bullo Vediamo i casi in cui  è possibile costituire un contratto di lavoro domestico tra parenti o affini per lavoro domestico e di assistenza Prendersi cura di un familiare non autosufficiente è un compito molto impegnativo: sono tante le difficoltà che affrontano le persone che conciliano il lavoro al ruolo di assistente familiare. Forse alcuni non sanno che in alcuni casi è possibile assumere a tutti gli effetti il familiare, coniuge, parente o affine che presta l’assistenza, pagandogli un regolare stipendio, versando i contributi che gli spettano e, talvolta, ricevendo un rimborso… Continua a leggere Si può assumere il coniuge o un parente come assistente alla persona disabile?

Barbari?

“Un mondo che si considera prospero e civile, segnato da disuguaglianze e squilibri al suo interno, ma forte di un’amministrazione stabile e di un’economia integrata; all’esterno, popoli costretti a sopravvivere con risorse insufficienti, minacciati dalla fame e dalla guerra, e che sempre più spesso chiedono di entrare; una frontiera militarizzata per filtrare profughi e immigrati; e autorità di governo che debbono decidere volta per volta il comportamento da tenere verso queste emergenze, con una gamma di opzioni che va dall’allontanamento forzato all’accoglienza in massa, dalla fissazione di quote d’ingresso all’offerta di aiuti umanitari e posti di lavoro.” Questo è l’incipit … Continua a leggere Barbari?