La terapia? E’ sullo scaffale della libreria, ecco come la lettura aiuta a stare meglio

Articolo che conferma ciò che i lettori pensano da tempo.

MetropoliZ blog

Articolo di Irma D’Aria

154805704-2830f977-cdc9-4eaa-8ed8-83cf86fce9d5Per la depressione, l’ansia, il declino cognitivo, ma anche in oncologia, come prevenzione del bullismo e – grazie ad Harry Potter – nell’inclusione del diverso. Numerosi studi sostengono che la biblioterapia può essere di grande supporto e accelerare la guarigione tanto che entra sempre più spesso nei reparti di ospedale e anche in rianimazione.

ALEX è un biblioterapeuta che cerca di curare le persone con letture mirate. La sua professione, infatti, è somministrare libri come fossero medicine. Beckett, Saliger, Omero: per ogni paziente una diversa terapia. E’ lui il protagonista del libro appena uscito “Le parole degli altri” di Michaël Uras, (traduzione di Francesco Graziosi, edizioni Nord). Un mestiere inventato? Non proprio perché la book-therapy esiste davvero, si basa sugli studi dello psichiatra gallese Neil Frude e viene riconosciuta dal National Health Service, il servizio sanitario inglese. Di biblioterapia si parlerà anche a Tempo di libri,la nuova…

View original post 1.379 altre parole

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...