In Italia bisogna morire per essere ascoltati

downloadDa quando ho visto il viso di DJ Fabo, ho il cuore pesante.

In Italia bisogna morire per essere ascoltati. Bisogna gridare forte per destare la classe politica costringendola ad occuparsi dei veri bisogni dei cittadini. I nostri politici preferiscono cavillare su date e poltrone, piuttosto che occuparsi dei gravi problemi del paese.

Per risvegliarli dal loro sonno autoreferenziale, bisogna che muoia qualcuno.

La piaga del lavoro nero dilaga, ma deve morire una donna italiana perché se ne parli, devono morire decine di bambini sulle nostre coste per affrontare il problema dell’immigrazione, qualcuno deve chiedere di morire perché si affronti il problema del fine vita.

Quando il grido di dolore si fa più forte e chiama in causa le alte cariche dello stato, ecco che tutti, improvvisamente, si scoprono sensibili e commossi di fronte alla sofferenza.

Comincia così l’immondo balletto di pro e contro, le buffonate di pietismo non richiesto, gli anatemi di chi vuole ergersi a giudice supremo, in nome di questo o quell’altro dio.

Giochi di potere che servono solo a conservare le poltrone in mone di qualche “principio” non ben identificato sbandierato a destra e a manca che, spesso, si è pronti a disconoscere per opportunità personali.

Intorno a Dj Fabo si è scatenata nuovamente la solita gazzarra che avvelenò gli ultimi giorni di Piergiorgio Welby e quelli di Eluana Englaro e della famiglia.

I giornali ne han fatto, come sempre un caso da prima pagina, i politici si accaniranno contro gli avversari e la Chiesa, sicuramente, non mancherà di dire la sua, minacciando di non concedere le esequie come capitò a Welby.

Intanto il bel Dj è già emigrato in Svizzera, dove esiste una legge rigorosa e laica che permette di decidere come concludere la propria esistenza.

Io non so come mi comporterei se fossi nelle condizioni di quest’uomo. Nonostante la mia voglia di vivere, immedesimandomi nella sua situazione, le mie convinzioni vacillano e posso comprendere la sua scelta.

Lasciamolo morire in pace e meditiamo sulla sua decisione.

Una volta che ci avrà lasciati, onoriamo lui e quanti hanno preso questa strada legiferando in modo serio e, soprattutto, laico

P.S mi ero ripromessa di non dire nulla per non entrare nel novero degli impiccioni. Poi, mi sono detta che forse, chi conosce certe sofferenza può e deve dire la sua.

 

Annunci

6 pensieri su “In Italia bisogna morire per essere ascoltati

  1. In questi giorni sembra che togliersi la vita sia come giocare ad un videogioco La mancanza di leggi che riguardano l’accorciamento della propria vita è per inettitudine di questi parlamentari che non riescono nemmeno a discutere il diritto a sospendere ogni tipo di cura… Anche i credenti hanno un variegato modo di rapportarsi alla sofferenza e esercitare il ministero della Chiesa. Se la singola persona non è in grado di offrire la propria sofferenza non la si può condannare. Anche San Pietro rinnegò Gesù…
    Segnalo intanto questo: http://www.nextme.it/tecnologia/biotecnologie/7932-chip-cervello-ragazzo-paralizzato-pensiero

    Mi piace

  2. è chiaro che la decisione del singolo di fronte alla propria situazione non è un “esempio”, ma una scelta radicalmente personale; quindi il problema non è “morire o non morire” ma semplicemente il poter scegliere, in tutta dignità, come chiudere la propria vita biologica; è assurdo dover andare in svizzera ad esercitare la propria scelta

    Liked by 2 people

  3. Direi Marina, che non potevi esprimerti meglio.
    E ti dico la verità, per poco che io ti conosca, attendevo la tua opinione.
    Credo tu sia una dei pochi che può dire la sua su questa scelta.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...