Il futuro è nella medicina integrata

Posto questo articolo tratto dalla rivista “Qui e non solo dintorni” per due motivi. Innanzitutto ho la fortuna di conoscere il Prof. Edoardo Rossi  e so, per esperienza personale che mette effettivamente in pratica ciò che dice cercando d’instaurare con i suoi pazienti un rapporto che va al di là della semplice cura della malattia, concentrandosi sulla persona considerata in toto, e non come semplice portatore di malattia.

Chi mi segue da anni, sa che io ho spesso affrontato il tema del rapporto paziente/medico lamentando spesso la mancanza di comprensione dei medici verso i loro pazienti. Un malato non è la sua malattia ma è una persona che va compresa e curata tenendo conto di tutte le sfaccettature della sua personalità.

L’uso della medicina integrata che il Prof Rossi mette così bene in pratica, può essere un modo nuovo per avvicinare e curare attraverso l’uso di diverse discipline adattate alle diverse persone.

Cattura

Annunci

3 pensieri su “Il futuro è nella medicina integrata

  1. secondo me curare non significa guarire, ma curare, lenire, generare la sensazione di non essere abbandonati; le persone non temono la morte, ma l’indifferenza

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...