” L’uccellino rosa” al Giro d’Italia

21108_10152883594968247_2635351207977012818_nCome ogni anno, torna il Giro d’Italia e io son qui, presente e pronta!

Ma per l’edizione del 2015, ho un motivo in più per non perdere neppure una tappa.

Mi spiego.

Chi ha letto “Le favole della sera”, ricorderà la storia de “L’ uccellino rosa”, dedicata al grande Eddy Merck. Mi sarebbe tanto piaciuto inviargliela ma non sapevo come fare. L’amico Carlo Delfino, grande esperto di ciclismo, mi ha fornito l’indirizzo di Alessandra De Stefano, giornalista e conduttrice delle dirette Rai dedicate al ciclismo. Io, con la mia faccia tosta, le ho scritto.

“Gent.ma Alessandra (permettimi la confidenza) mi chiamo Marina Garaventa, ho 55 anni, e ho avuto la tua email dall’amico Carlo Delfino di Varazze. La confidenza deriva dal fatto che io passo con te tutta la stagione ciclistica, perché sono una grande appassionata di ciclismo. Grazie alla mia nonna e alla mia bisnonna, grandi amanti del Giro, ho cominciato a seguire la corsa rosa fin da molto piccola, quando c’erano De Zan e Zavoli. Pensa che, fin da piccola, avrei voluto essere al seguito del giro! Confesso che sei l’unica persona al mondo che invidio, anche perché sei bravissima, competente, e ci metti sempre quel po’ di cuore, che solo le donne hanno! Due parole su di me, per chiarirti il perché di questa mail. Sono scrittrice, vivo a Savignone (Ge), e dopo una vita intensa e ricca, 12 anni fa, per motivi che ti risparmio, sono rimasta paralizzata, dalla viva in giù e vivo attaccata ad una macchina che mi fa respirare. La mia vita non è facile ma, nonostante tutto, io VIVO! Grazie al mio pc, continuo a scrivere, pubblicare, e comunicare. Sono su tutti i social, partecipo a trasmissioni e gestisco un blog ( principessasulpisello.com ) Io non mi fermo, proprio come i ciclisti! Vado su col mio passo ma, magari con un po’ di ritardo, arrivo in cima alla salita! E poi, nell’immobilità forzata ci sono anche cose buone: posso pensare e meditare, posso leggere tanto, posso scrivere tanto e….posso vedere tutto il ciclismo che voglio! Evvaiiiiii! Bene, dopo questa “tiritera”, ecco il motivo della mia lettera. In allegato c’è una mio breve scritto, una favola dedicata al Giro e al grande Eddy Merck. So che tu hai una grande ammirazione per lui ed è per questo che ti prego, se puoi, di fargliela avere. Ovviamente ce n’è una anche per te.
Che dire ancora? Che mi piacerebbe conoscerti di persona è ovvio, come mi piacerebbe incontrare i tuoi colleghi e i ciclisti ma credo sia chiedere troppo.
Ti ringrazio della tua attenzione e ti prego di fare i miei complimenti a tutti i tuoi colleghi, Pancani, Martinello, Conti, Garzelli ea tutta la troupe Rai, che fa sempre un lavoro eccellente
Grazie e un abbraccio

Marina Garaventa

Ed ecco la risposta:

“Cara Marina non solo gliela farò avere ma ne leggerò un pezzettino durante una delle dirette così tutti noi potremmo salutarti…

ti prometto che troverò il modo di venirti a trovare non so quando ma lo farò

un abbraccio grande

Ale

 

Per me è già una favola!

Annunci

2 pensieri su “” L’uccellino rosa” al Giro d’Italia

  1. Evviva!!!! Alessandra dimostra anche qui di avere veramente quel “cuore i più” che hanno le donne: A Merck piacerà senz’altro la tua deliziosa favola! Spero che Ale (come si è firmata lei) ti faccia sapere con anticipo quando la leggerà perché io non sempre riesco ad ascoltare la radiocronaca del giro… Ti abbraccio Marina, con affetto ❤

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...