Calendario verdiano: 21 luglio 1867

 

Verdi, Barezzi e Margherita
Verdi, Barezzi e Margherita

L’estate del 1867 sarà triste per i coniugi Verdi. Dapprima arriva loro la notizia che Francesco Maria Piave, librettista di molte opere verdiane, era stato colpito da una paralisi: restò paralizzato per 8 anni e Verdi, sempre generoso, aiutò la moglie e la figlia, in quel lungo e difficile calvario. Ma, le pene del Maestro, in quell’anno, non dovevano finire. Mentre a Parigi si rappresentava il “Don Carlos”, a Busseto le condizioni di Antonio Barezzi andavano peggiorando. I primi giorni del mese di luglio Verdi entrò in uno stato di agitazione perché la consapevolezza che per Barezzi non c’era più nessuna speranza lo gettarono in una soffocante apprensione. margherita_barezzi

Giuseppina lamentava che il suo carattere fosse diventato impossibile e nota nel diario:

Io cerco di rialzare il morale di Verdi per l’indisposizione che forse i suoi nervi e la sua immaginazione gli fan considerare più grave. […] Viene molte volte nella mia stanza senza restar fermo in pace 10 minuti. […] Infine egli si è mal montato contro la servitù e contro di me, ch’io non so con quali parole e con qual tono di voce devo parlargli per non offenderlo! Ahimè! come andranno a finire le cose, non lo so, perché il suo umore diventa sempre più inquieto ed iracondo. Possedere tali eminenti qualità ed avere un carattere qualche volta sì aspro e difficile!… […] Dio faccia che si calmi perché io ne soffro assai, e perdo la bussola.”

4000261-4_Casa_Barezzi_as_seen_from_Piazza_Verdi_BussetoIl dolore del musicista è sincero. Antonio Barezzi (1787-1867) era stato per lui, oltre che un mecenate, anche un secondo padre e, dopo il matrimonio con Margherita Barezzi, anche suocero. Commerciante e produttore di liquori, dedicava tutto il suo tempo libero alla musica: in casa sua era la sede sede dell’Orchestra Filarmonica bussetana e, quando ebbe occasione di conoscere il piccolo Verdi, capì il suo talento e decise di aiutarlo. Nel 1831 Verdi si trasferisce in casa Barezzi per dare lezioni di pianoforte a Margherita, la maggiore delle quattro figlie del suo ospite, e tra i due nasce un legame sentimentale che, non ostacolato dalla famiglia di lei, viene ufficializzato con il matrimonio nel maggio del 1836. Grazie al sostegno economico del suocero ,Verdi poté recarsi a Milano nel 1832 per approfondire e perfezionare i suoi studi musicali. Anche quando, tra il 1839 e il ’40, Verdi perse i due figli e la stessa Margherita, Barezzi non abbandonò il suo pupillo, difendendolo anche dalle maldicenze dei bussetani, che non approvavano il suo legami con la Strepponi.

Il 21 luglio il vecchio benefattore morì. Verdi scriverà all’amico Arrivabene:

I dolori succedono ai dolori con una rapidità spaventevole! Il povero signor Antonio, il mio secondo padre, il mio benefattore, il mio amico, colui che m’ha amato tanto, non è più! La sua molta età non vale a mitigare il dolore che è per me grandissimo! Povero signor Antonio! Se vi è una seconda vita Egli vedrà s’io l’ho amato e s’io son grato a quello che ha fatto per me. È morto nelle mie braccia ed ho la consolazione di non avergli mai dato un dispiacere.”

 

In quell’anno

Gli artisti naturalisti respinti dalla giuria del “Salon” di Parigi avanzano la richiesta di un “Salon des refusés”. A causa dell’esito negativo, tentano di organizzare una grande mostra collettiva a proprie spese, ma senza successo per gli alti costi. È il primo germe della futura “Prima mostra impressionista”

Nel testo critico Mes haines, Emile Zola afferma che l’opera d’arte è una testimonianza della natura, filtrata attraverso la personalità dell’artista.Zola pubblica Teresa Raquin

Ippolito Nievo pubblica Confessioni d’un italiano

Karl Marx pubblica il primo volume de Il capitale

Charles Gounod compone Romeo e Giulietta, opera in cinque atti

Richard Wagner finisce di comporre I maestri cantori di Norimberga, opera in tre atti

A Torino nasce la “Gazzetta Piemontese”, diretta da Vittorio Bersezio. Nel 1895 diventerà “La Stampa

Inaugurazione della ferrovia del Brennero

Joseph Monier brevetta le prime strutture in cemento armato (vasi e recipienti)

Fonti

http://www.artdreamguide.com/info.htm

http://www.giuseppeverdi.it/default.asp

http://www.rodoni.ch/

http://wikipedia.org

Annunci

15 pensieri su “Calendario verdiano: 21 luglio 1867

  1. Grandissimo Rossi-Lemeni, nelle vesti di Filippo II, voce bellissima.
    Si Verdi fu sempre grato a Barezzi, e se non vado errato gli dedico anche l’opera Macbeth.

    Mi piace

  2. È comunque molto bella la vicenda dell’amicizia profonda fra il Genio e il suo benefattore ed amico. Verdi in questo ci è simpatico, anche col suo carattere burbero, perché è un uomo vero, oltre il genio musicale.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...