“Un bel tacer non fu mai scritto”

img1024-700_dettaglio2_Quirinale-Napolitano“Un bel tacer non fu mai scritto” me lo diceva sempre mia nonna per insegnarmi il valore del silenzio. E io l’ho imparato così bene, che la mia condizione di muta “obbligata” non mi pesa più di tanto: nel silenzio ho imparato a riflettere e a soppesare ogni affermazione possibile. Oggi, purtroppo, quest’atteggiamento, nella nostra società, basata su una comunicazione che si potrebbe definire estrema, non è molto praticato, e ognuno si sente in diritto (o in dovere?) di dire ciò che pensa su qualsiasi argomento. Ne nasce così una stolta cacofonia che rimbomba nei cervelli, rendendo ancor più difficile la riflessione e la comprensione dei fatti.

In questi giorni, assai complessi per il nostro paese, quando ci sarebbe bisogno di riflettere e ragionare per trovare una soluzione alla crisi economica e allo stallo istituzionale, i nostri partiti, invece, non trovano di meglio che gridare a squarciagola, avanzando, per il loro tornaconto di potere, critiche sguaiate all’indirizzo del Presidente Napolitano che, al netto di qualche errore umanamente possibile, è l’unico che si adopera, in modo quasi eroico, per mantenere in rotta la nave Italia che, diversamente, calerebbe a picco. Il quadro del nostro arco istituzionale, voluto comunque dagli elettori, è quanto mai desolante. Il Pdl, che si ostina a sostenere il totem Berlusconi, pensa solo a propinarci il Cavaliere come futuro Presidente della Repubblica, facendo immaginare la trasformazione del Quirinale in un club privè. Il Pd, come  sempre votato alla sconfitta, fa lo “gnorri” pensando ancora a un improbabile governo Bersani. Scelta Civica, con Fini sparito, Casini ridotto al minimo e Monti divenuto il fantasma di se stesso, si dibatte per non morire, mentre il “movimento” 5 stelle, che fa finta, di non essere un partito, sbraita e vomita insulti, credendo, davvero, di essere a Ballarò, senza collaborare a nessuna ipotesi di soluzione.

Ebbene, questi soggetti, tutti occupati a perseguire i loro interessi di parte, che in più di un mese, non sono riusciti a formare uno straccio di governo che ci permettesse di navigare nel mare tempestoso della crisi, ora si arrogano il diritto di criticare il Presidente che, senza entrare nel merito delle sue scelte, è l’unico che ha dimostrato un po’ di buon senso e, soprattutto, un’abnegazione certa verso la Costituzione e verso il paese.

Basterebbe solo un po’ di pudore, un minimo di vergogna, per far sì che tutti, proprio tutti, si tappassero la bocca, chinassero il capo e, soprattutto riflettessero sui propri errori, ripromettendosi, in futuro, un comportamento diverso.

Grazie Presidente Napolitano e si ricordi che i cani abbaiano, ma la carovana passa!

Annunci

6 pensieri su ““Un bel tacer non fu mai scritto”

  1. Sembra che ci siano poche speranze nei nostri politici !
    Che siamo condannati a Governi tecnici. Mi ricordo quello di Ciampi, che negli anni ’90 ci portò fuori dalla crisi. Ma oggi sembriamo condannati alla deriva, per raggiungere Cipro?? speriamo di no!

    Sostengo Napolitano, come persona competente e saggia, mentre mi fanno ribrezzo i politici che scagliano pietre dopo aver rubato o abbandonato la nave in attesa di rimontare solo quando riparte…

    Noi speriamo che ce la caviamo ??? sembra proprio di si!

    Mi piace

  2. Purtroppo bisogna giocare con le carte che abbiamo, e diciamo che questa non è una mano fortunata. 🙂 Però anche mia nonna me lo ripeteva sempre.. un buon tacer.. Buona giornata!

    Mi piace

  3. Cara Marina, per fare “silenzio” bisogna riconoscere che ci si sta affidando al meglio che il tempo ci propone … Il presidente della Repubblica, ancora una volta sta scavalcando il Parlamento; considerare Violante o Quagliarello dei “saggi” la dice lunga di come non riesca a fotografare il momento storico.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...