“Va pensiero”? No, grazie.

Chi conosce la mia frequentazione e il mio amore per il melodramma , si stupirà certamente di questo titolo. Il fatto è che, ogni volta che si suona il nostro inno, “Fratelli d’Italia”, c’è sempre qualcuno che propone di sostituirlo col famosissimo e bellissimo “Va pensiero” dal “Nabucco” di Giuseppe Verdi. Evidentemente , chi opterebbe per questa scelta, dimostra di non avere le idee chiare sull’argomento . Non a caso, ho citato il “Nabucco”, l’opera in cui è inserito il pezzo corale più noto al mondo: infatti, solo conoscendo la trama dell’opera e l’argomento , si può concludere che “Va pensiero” non può essere un inno. Il “Nabucco”, detto in poche parole , narra le vicende del popolo ebreo che, sconfitto dal re di Babilonia Nabuccodonosor, viene tradotto in schiavitù lontano dalla patria. “Va pensiero” è il pianto degli ebrei che hanno perso fiducia e consapevolezza in sé stessi, che si sentono sconfitti e incapaci di reagire. Basterebbe questa piccola nozione a far capire che, nonostante il suo grande valore storico e musicale , “Va pensiero” non può essere l’ inno nazionale italiano . Un inno nazionale deve il biglietto da visita dove una nazione presenta i valori e i principi su cui poggia, la sua unità e l’amor e che i sui cittadini hanno per lei. Chi vorrebbe presentarsi con un pianto di sconfitta?

Teniamoci , quindi, il nostro “Fratelli d’Italia”, musicato dal genovese Michele Novaro, che lo regalò agli italiani senza pretendere alcun diritto d’autore, e con il testo di Goffredo Mameli, anche lui di Genova, che morì, a 22 anni, combattendo per la Repubblica Romana, e lasciamo in pace Giuseppe Verdi che, tra l’altro, era strenuo difensore dell’unità d’Italia.

In questo video, potete seguire, oltre alla musica, anche il testo del “Va’ pensiero, e costatarne l’inadeguatezza per rappresentare l’Italia.

Buon 25 Aprile!

Annunci

17 pensieri su ““Va pensiero”? No, grazie.

  1. È vero che ai tempi di Verdi il dramma degli ebrei esiliati fu interpretato come una chiara allusione alla condizione di Milano, in mano degli Austriaci, ma ciò non toglie che non contiene nessun riferimento specifico all’Italia o alla sua storia – è il canto di un popolo diverso e per di più sconfitto –, perciò ci si chiede quanto possa essere plausibile l’idea di farne l’inno nazionale. Invece il testo di Mameli, che è costituito da 5 strofe e un ritornello, presenta i concetti principali cui si ispirò il Risorgimento, legati alla cultura romantica del tempo, concetti espressi anche da Manzoni nell’ode “Marzo 1821”.

    Mi piace

  2. sempre tecnicamente.. il ‘va pensiero’ è un ritmo 3/4 (valzer), mentre gli inni nazionali dovrebbero essere adatti alla marcia 🙂
    Ve li immaginate i corrazzieri a marciare ai Fori Imperiali a passo di valzer, un-duettré un-duettreé ?!

    Mi piace

  3. Infatti si dice che quando Verdi ascoltava il “Va pensiero” cantato con troppa enfasi dicesse che il lamento di un popolo in catene, va cantato sottovoce, o per dirla tecnicamente, ppp.
    Un saluto, Marina cogli sempre nel segno, Luigi

    Mi piace

  4. Purtroppo gli italiani hanno dimenticato cosa significa “cantare l’Inno della Patria”, quali sono i valori che sono alla base dell’essere Popolo…… Ricordo l’emozone che ci legava mentre cantavamo insieme, sentendoci uniti nel nome dell’Italia nelle celebrazioni scolastiche…..ma non era “sentimentalismo”, era un “sentimento” forte e bello!

    Mi piace

  5. Ma la S.I.A.E. esisteva all’epoca? :-))) Al prossimo leghista che incontro me lo “rivendo” ‘sto post se ancora insiste nell’adottare come inno “Va pensiero”

    Mi piace

  6. Concordo perfettamente con te Marina! Sembra che nessuno abbia insegnato a scuola agli Italiani cosa vogliano significare le parole di questo inno e che tutti si dimentichino quanto sangue e sacrificio sia costata la nostra libertà ! Buon 25 Aprile anche a te ! e soprattutto W L’ITALIA! 😀

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...