Attenti ai cuccioli!

Da “Il Fatto Quotidiano” del 26/11/2011

L’Inghilterra è ancora scossa dallo scandalo intercettazioni. Giornalisti truffaldini del News of the world di Murdoch hanno utilizzato intercettazioni illegali –di mail e telefonate– per rubare indiscrezioni riguardanti vip e fatti di cronaca anche molto gravi (come quella di una tredicenne uccisa). In un’epoca nella quale l’indirizzo di posta elettronica è un servizio che in pochi si fanno mancare, viene da chiedersi quanto sia sicura la nostra corrispondenza digitale. Tra le mail passa la

nostra vita: opinioni, relazioni,esperienze, consumi, gusti, foto, video e password. Quanto è al sicuro questa mole di informazioni? Gli esperti concordano: si può stare piuttosto tranquilli,ma sta a noi scegliere ogni giorno comportamenti che tutelino la nostra privacy e ci mettano alriparo da frodi o incursioni.

“In via generale, possiamo dire che le caselle di posta sono difficilmente violabili, ancora di più quelle che riguardano grossi fornitori di servizi” ci dice Lorenzo Agostini, vicequestore aggiunto del servizio centrale della Polizia postale. Che però precisa: “Difficilmente non significa non violabili”. Spiega anche che quella che per il codice penale viene definita “intrusione abusiva in un sistema informatico” può essere di due tipi: un break, la rottura di una barriera, una vera e propria incursione atta a spiare la nostra posta; o un’intrusione abusiva come quando qualcuno entra in possesso di un codice di sicurezza – una password –da un’agenda o da un appunto. In questa seconda categoria ci sono anche i cosiddetti virus “cavalli di Troia”che si installano nel computer e rivelano a terzi dati sensibili. Il primo tipo di“furto”è più grave e può essere punito con una pena

che va da uno agli otto anni di carcere, ma anche per la seconda fattispecie si rischiala galera e multe salatissime. Chiarisce invece quali accorgimenti prendere M. P., un ex-hacker che ora si occupa di sicurezza informatica per le Forze dell’ordine italiane.“Una web mail, ovvero la mail che consultiamo direttamente su Internet, è di solito sicura. Se un utente ha una mail su Gmail, o su Yahoo, il criminale che vuole spiare la sua posta dovrebbe abbattere le difese di queste aziende che sono protette molto bene”. Per quanto riguarda “le difese”dell’utente,gli accorgimenti sono semplici: “Prima di tutto bisogna avere una password robusta e non banale. Una recente ricerca dimostra che molti utilizzano semplicemente ‘password’ come ‘parola d’ordine’ per la propria posta. Così si rischia. Perché un malintenzionato, manualmente o con un software, come primacosa prova decine di password standard. E se quella che abbiamo impostato è molto semplice, riuscirà con facilità a entrare nel nostro account”. Altro accorgimento importante è di non cadere in tranelli:

“Quando sul web ci viene chiesto di inserire la password in un contesto che non è quello della nostra casella, non bisogna mai farlo”. Stesso discorso perle mail. “Difficilmente una mail senza allegato potrà contenere virus. Ma basta anche una simpatica presentazione in powerpoint, magari con cani e gatti, per nascondere dietro un software che poi invia ogni informazione ai malintenzionati”. Possiamo stare quindi abbastanza sicuri. Unica accortezza: non rovinarsi con le proprie mani.

f . m e l l o @ i l fa t t o q u o t i d i a n o

Annunci

6 pensieri su “Attenti ai cuccioli!

  1. E mi permetto di aggiungere un altro consiglio: non usate mai la stessa password per i diversi contesti, perché sarebbe come chi tenesse tutte le chiavi (casa, auto, negozio, ecc.) nello stesso mazzo: perso il mazzo, perse tutte! 😉

    Mi piace

  2. Non c’entra col post, ma ti passo la notizia, che probabilmente già sai, della morte del grande regista Ken Russell, il quale, se non erro, diresse tuo padre, il tenore Ottavio Garaventa nell’opera “Mefistofele” di Boito. Ricordo l’articolo di giornale dell’epoca ed il tuo post a riguardo abbastanza recente.
    Bacioni
    Ettore

    Mi piace

  3. Grazie Marina! Molto chiaro il post, il fatto è che – nonostante le precauzioni e un ottimo antivirus – ogni tanto si infila qualche virus… spero che non facciano grossi danni….ma tanto cosa potrebbero spiare da me? Che sono una “anti”…tante cose!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...