Il fattore C…..

So a cosa state pensando ma, questa volta, vi sbagliate. Non mi riferisco, infatti, alla “C” di fortuna ma, purtroppo , alla “C” di calcoli… renali! Ebbene si, mi son venuti pure quelli, con corollario di dolori, febbre e tutto il relativo repertorio: praticamente , nel rene sinistro , ho un alberello di pietruzze. Vi risparmio tutte le cose che mi sono passate per la testa, in questi ultimi giorni, anche perché , sarei costretta ad usare un linguaggio inadatto ad una principessa : nella mia rabbia, non ho dimenticato nessuno e, dalla Terra al Cielo , ognuno ha avuto la sua parte. Inutile sottolineare che, comunque , la “C” di fortuna c’entra, perché sembra impossibile che il Fato abbia sempre un occhio di riguardo per me.

La cosa che fai più male è che, in questo rinnovarsi di sofferenza , tornano in mente tante cose passate, tanti momenti in cui ho rischiato di morire o di perdere le mie capacità residue. Torna la stessa paura di quei giorni e mi sembra impossibile di averne passate così tante. C’è la rabbia per tanto accanimento , c’è il dispiacere per la sofferenza che procuro a chi mi vuol bene , c’è il terrore che il dolore non passi e mi obblighi a rimbambirmi di medicinali.

Poi, per fortuna , il dolore diminuisca e la speranza ritorna. Non ne sono ancora fuori ma son tornata in pista per risollevarmi: cure adatte, antibiotico e dieta.

Torna la voglia di combattere

Annunci

15 pensieri su “Il fattore C…..

  1. Ci sarebbe da incazzarsi un giorno si e l’altro pure(io non sono una principessa e vivaddio mi posso permettere le parolacce)mi fa paura sentire che tu sia destinata alla santità, ma convinciti, è a quello che ti sta portando questo mare a ondate di sofferenze continue, bella e tremenda la tua umana paura.
    Fantastico questo mio(anzi direi nostro) venire da te a ritrovare la forza, e tu pronta elargisci e neppure te ne accorgi!
    Ormai quando mi capita qualcosa di veramente brutto, di veramente e umanamente insostenibile, quando sto per lasciarmi andare, abbandonando tutto, allora come una luce abbagliante, ti vedo nel tuo letto e mi sembra di sentire gli odori, i sapori ascolto nel silenzio il ronzare del respiratore(oh se conosco quel suono quasi ansito lieve…) e mi dico:”non essere scema ricordati; c’è Princy”…ed eccola la forza che mi fa ripartire, la grinta che torna e allora Princy lotta perché a km di distanza c’è Sabina che ha bisogno di te per aiutare gli altri, senza conoscere inutili rese!
    Un bacio piccola; un bacio con tutta l’anima mia!;-)

    Mi piace

  2. ciao, amie de mon coeur! questi sassetti con cui si impara etimologicamente a far di conto si sono accaniti a raggrumarsi per “infastidirti” ancor di più di quanto gia non fossi “infastidita”. Ricordi quella storia – …abbiamo risorse insospettabili?- tu l’hai dimostrato dicendo solo ora del tuo impedimento e del tuo affanno…quando mi hai detto “sono indaffarata” pensavo stessi scrivendo qualcosa di molto impegnativo che ti impediva di affacciarti sulla strada…ora mi torna in mente che l’ultima volta ti ho detto; cantatela da sola ( la vie en rose)… solo dopo ho pensato che era una mancanza di tatto ma poi ho pensato che no..perché intendevo con la voce dell’anima. a presto nory ti auguro un sonno senza sogni nè d’.oro nè in teccnicolor ma con più fasi REM perché tu possa riposare…

    Mi piace

  3. beh, sei veramente scorretta! ricorrere a questi bassi sotterfugi per impedire a mauro il meritato riposo … dai … è una bassezza!
    mi dispiace, mari … ma lo sai che piove sempre sul bagnato, purtroppo!
    ti mando tanti bacini!

    Mi piace

  4. Mi ero accorta con preoccupazione che il nuovo post tardava, e pregavo che non fosse a causa di qualche problema.. invece sì! 😦
    Ma la tua grinta resiste, e anche stavolta promette di farti avere la meglio: ti auguro di vincere, con meno dolore possibile! Baci.. 😉

    Mi piace

  5. Forza Marina! E’ forte la tua capcità di afferrarti al filo della speranza anche quando è proprio solo un filo…….ma sono convinta che tu sei la prima cura di te stessa e che anche questo rientrerà nei limiti del sopportabile.
    Anzi spero che a questo punto il dolore ti abbia lasciato!
    <3<3<3 🙂

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...