Villa Arzilla – Terapia del dolore

Come vi ho già detto, qui a Villa Arzilla (per le puntate precedenti vd. TAGS), c’è sempre un gran via vai: studenti di musica che vengono un po’ da tutto il mondo per studiare canto con mio padre e mia zia, amici miei, amici e parenti dei miei genitori e, naturalmente, infermiere e medici per me. In queste due categorie si annoverano i più disparati elementi: l’oculista che mi porta i libri da leggere, il dietologo che mi parla d’arte e di Genoa, il dermatologo che sentenzia “tutti dobbiamo morire” e le espertissime e affettuose infermiere del servizio sanitario che mi portano peluche e buonumore. Proprio da una delle infermiere, in una fredda nevosa giornata, mi arrivò il seguente sms: “oggi ti porto un medico giovane e bello”. L’occasione era ghiotta e, nonostante il cuore irrimediabilmente impegnato, non potevo mancare al gustoso invito: cambio di camicia e di pannolone, passando dalla versione ascellare a quella baby, pettinata veloce, zaffata di profumo e occhio, quello ancora buono, languido. Ora, come avrete capito, la maggior parte dei medici che mi frequentano, viene, più che altro, per farsi una cultura medica, poiché io sono una sorta d’enciclopedia vivente per la quantità di sfighe e di patologie che assommo. Il Dottor F., effettivamente raro esemplare del genere maschile, assai affascinante e simpatico, dichiarò subito, bontà sua, di essere venuto solo per conoscermi (che, in poche parole vuol dire che voleva vedere da vicino la “rarità”medica!) e per sapere se avevo bisogno del suo aiuto, occupandosi lui di “terapia del dolore”. Provvedendo io, immantinente, a fare i debiti gesti scaramantici, sotto le coperte, sbattendo il mio occhio buono, scrivendo sul pc, lo rassicurai che, per il momento, non soffrivo di dolori e che, in ogni caso, lo avrei tenuto presente. La gaia conversazione si spostò poi su altri argomenti, allietata dalla presenza dei miei genitori e dalle due garrule infermiere, una delle quali, sicuramente, invaghita del doctor (stile E.R). Preso dalla foga della sua conversazione e affascinato dalla sua stessa voce, il novello Gorge Clooney, si sbizzarrì con una domanda di carattere social-altruistico che segnò la sua rovina:

  • Ma a lei, signora, cosa manca? –

Il silenzio cadde sugli astanti: tutti mi guardavano sorridenti e trepidanti mentre, solo il volto di mia madre, lasciava trasparire l’orribile presentimento che solo un cuore di mamma ha.

Con calma, pregustando la mia gioia, presi a scrivere, e sul video, campeggiò la mia risposta:

  • Cosa mi manca? S-C-O-P-A-R-E!

Il Dottor F. sta ancora ridendo.

Annunci

22 pensieri su “Villa Arzilla – Terapia del dolore

  1. ritorno sul pc. che ti leggo!? che il dietologo ti parla di genoa!? sgrunt&sgrant e io ti parlo di
    SAMPDORIA!!!!!!!!
    Ciao e baci blucerchiati
    Ettore

    Mi piace

  2. Cara Marina,
    Dopo aver letto cosa succede a Villa Arzilla, mi chiedo, se dovesse nuovamente succedere che il letto ti si blocca su in alto, posso stare tranquilla….e lasciare che il pronto intervento(soccorso AC), da non confondersi con il soccorso ACI stradale, faccia tutto quello che c’è da fare?
    Sei Forte, un abbraccio – Maria

    Mi piace

  3. da buon medico, desideroso di conoscere la tua malattia, poteva provvedere e vedere, almeno per scopi scientifici, cosa succedeva….o almeno proporti di “scopare” dal suo pc tutto ciò che non serve!

    Mi piace

  4. chi ti conosce da tempo…..avrebbe potuto immaginare la tua risposta finale….
    peccato per il giovane e attraente medico di non aver letto di te prima dell’incontro
    buona domenica principessaaaaaaaaaa
    mentina

    Mi piace

  5. Certo, carissima!
    Anch’io mi preoccupo, quando “taci” un po’ più a lungo!
    Per la cronaca, stiamo lentamente smantellando il “Pandolce Antica Genova” di G. che ci siamo aperti il 6.. sai.. il giorno della mia festa! E’ uno sballo.. 🙂 🙂 🙂

    Mi piace

  6. Lo sai che, purtroppo, arrivata a metà, e anche prima, conoscevo già la risposta, vero?
    Però, e nonostante questo, come il buon doc., sto ancora ridendo anch’io..
    Anche perchè ricordo di aver visto sulla parete a capo del tuo letto una scritta molto icastica, che esprime il concetto senza possibiità di fraintendimenti!
    Sei formidabile, sempre! 🙂

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...